Da Terence Hill a Marco Tardelli, le sorprese della terza votazione a Montecitorio