L’importanza di (non) avere un portiere